martedì 20 marzo 2018

Le rune dei Daja


1 fuoco 2  vento 3 acqua 4  terra 5  lago 6  fiume 7  città 8  monte 9  catena montuosa  10  nuvole 11  campo coltivato 12  pioggia 13  tempesta 14  fulmine 15  firmamento 16  neve 17  giaccio 18  cascata  19  sole  20  luna  21 lunazione  22  eclissi  23  grotta  24  rifugio  25  casa  26  strada  27  tempio  28  divinità  29  albero  30  bosco  31  fungo  32  fiore  33  frutto  34  animali  35  ape  36  cervo  37  orso  38  corno  39  capra  40  capro  41  vacca  42  toro  43  pecora  44  ariete  45  coniglio  46  stambecco  47  lupo  48  serpente  49  volpe  50  uccelli  51  aquila  52  volo  53  pesci  54  uomo  55  donna 56  uomini  57  druido  58  occhio  59  pastore  60  cacciatore  61  oggetto magico  62  passato 63  presente  64  futuro  65  giorno  66  mese  67  anno  68  portare, offrire  69  venerare, pregare  70  mangiare  71  salire, arrampicarsi, scalare  72  inseguire  73  fuggire 
I Daja (druidi) hanno sviluppato nel tempo un complesso alfabeto di geroglifici rivestiti di valenze magiche, i cui grafemi sono conosciuti nel continente di Gamat come Rune druidiche. Nell'immagine qui sopra sono riportati solo alcuni dei simboli più frequentemente utilizzati, ma nessuno sa dire con esattezza quante siano le rune che compongono questo vasto e misterioso alfabeto, tramandato di maestro in apprendista. 
Le rune, che si ritiene contengano l'essenza magica del soggetto che rappresentano, vengono incise dai Daja sulle grandi pietre dei santuari megalitici, ma anche su bastoni magici e altri oggetti rituali, dipinte come pitture rupestri nelle grotte o intessute come ricami sulle stoffe. Molto spesso è proprio la presenza di rune a determinare i poteri magici di un oggetto ritenuto "stregato", per cui, asportando o rendendo illeggibili le rune sulla sua superficie, tali poteri vengono annullati. 


lunedì 5 marzo 2018

A Uchronia l'anteprima assoluta della cover de "La Vita di An"



Il 3 e il 4 marzo, presso la Uchronia Comics Convention di Lugano (vedi nostro post) l'autore della saga dei "Pirin", Sebastiano B. Brocchi - che per l'occasione ha realizzato anche alcuni disegni dal vivo - ha rivelato in anteprima assoluta quella che sarà la cover del primo fumetto ambientato in questo universo narrativo: "La Vita di An". Ricordiamo che questo progetto è ancora nelle prime fasi di concezione, perciò non ci è dato sapere quanto tempo sarà necessario al suo sviluppo e alla pubblicazione. Nell'attesa, però, avrete modo di scoprire le avventure di un altro eroe, "Tasar" (vedi nostro post), la cui prima comparizione sembrerebbe essere ben più imminente. Continuate a seguirci per restare aggiornati!











giovedì 1 marzo 2018

Tasar: un nuovo eroe per esplorare nuove frontiere dello storytelling con Playtrip



Dalla sua nascita, avvenuta nel 2012, la saga "PIRIN" ha dimostrato una spiccata versatilità multimediale, costituendo di fatto uno degli esperimenti più pionieristici del settore. Oltre alla trilogia di romanzi che costituiscono le sue fondamenta, a questo sito web regolarmente aggiornato con testi e immagini inedite, alle pagine social, al sito pirindictionary.blogspot.com (ancora in costruzione), ha visto la luce quest'anno il videogame "Eselmir e i cinque doni magici" (Stelex Software), ed è stato annunciato il progetto di una serie a fumetti la cui prima avventura si intitolerà "La Vita di An". Ma l'universo fantasy ideato da Sebastiano B. Brocchi non smette di sorprenderci, espandendosi attraverso sempre nuovi canali espressivi, capaci di rendere sempre più profonda e coinvolgente l'esperienza della saga. Siamo quindi lieti di annunciarvi che molto presto verrà presentata una nuovissima serie di avventure virtuali, una saga spin-off che seguirà le vicende di un personaggio inedito: TasarMa ad essere inedito - ed è qui il principale punto di forza dell'avventura - sarà anche il media cui la storia viene affidata. Si tratta infatti della rivoluzionaria soluzione digitale composta da una piattaforma editoriale web e da un’app di storytelling made in Ticino: Playtrip. Di cosa si tratta?


Playtrip offre sul mercato il primo store online di storie geolocalizzate attraverso le quali gli utenti vivono una nuova esperienza di viaggio, che cambia la percezione del territorio. Una volta scaricata la storia sul proprio smartphone, l’utente è invitato a raggiungere il primo capitolo che coincide con un luogo. Man mano che l’utente prosegue la storia, i capitoli successivi gli vengono svelati uno dopo l'altro. Il viaggiatore in questo modo vive e viene coinvolto in una maniera più emozionale. 
Le storie sono composte da contenuti multimediali (testo, audio, immagini, video). Inoltre è stata implementata una tecnologia emergente che nei prossimi anni è destinata a consolidarsi sul mercato: la realtà aumentata.
Insomma, uno strumento dal potenziale immenso, tanto per autori che desiderano esplorare nuove e più coinvolgenti possibilità narrative, quanto per i lettori disposti a vivere un'esperienza a metà strada tra letteratura, gioco ed esplorazione.


Cosa dobbiamo aspettarci, quindi, dalle avventure di Tasar? Un'esperienza del tutto nuova che costituirà un incontro senza precedenti tra il mondo che siete abituati a chiamare "reale" e gli scenari fantastici della saga dei "PIRIN". Un viaggio che non sarà più soltanto una forma di evasione dalla realtà attraverso la fantasia, ma che colorerà la vostra stessa realtà con un pizzico di magia e immaginazione, permettendo di far coincidere il vostro percorso - su itinerari turistici, urbani, artistici o naturalistici - con la trama di un'avventura "parallela" ambientata nell'universo fantasy "PIRIN". I vostri passi saranno i passi compiuti dal protagonista Tasar, e le vostre scelte saranno le scelte di Tasar. 

Sì perché, per la prima volta nella storia della saga, l'avventura di Tasar sarà un percorso intessuto di scelte morali determinate da voi. Sarete voi a decidere il destino del personaggio, in un cammino disseminato di luci e ombre. Continuate a seguirci per restare aggiornati!